Perchè la violenza sulle donne non sia più un fatto privato
25 e 29 novembre dedicati al contrasto alla violenza di genere
Un manifesto nero, come il buio in cui precipitano le donne vittime di violenza, è quello con cui il Comune di Vigliano Biellese propone le iniziative per questo 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza alle donne. Le illustra il Sindaco, Cristina Vazzoler, che ricopre anche il ruolo di Assessore alle Pari Opportunità.
"Ogni giorno in Europa dodici donne sono vittime di violenza domestica. Per affrontare, approfondire e soprattutto prevenire un fenomeno con radici assai profonde, legate al contesto culturale e alla visione dei ruoli, abbiamo organizzato due appuntamenti: il 25 novembre, alle ore 20,30, presso la Biblioteca civica, "Puoi sempre fare qualcosa", spunti e riflessioni per approfondire insieme un fenomeno che riguarda tutti. Si tratterà della presentazione del punto di ascolto antiviolenza di Biella, gestito dall'Associazione Non Sei Sola; situato nei locali Asl di via Caraccio, lo sportello è aperto il martedì dalle 9 alle 11 e il giovedì dalle 15 alle 17. Accoglie le donne vittime di violenza di genere, supportando e sostenendo la donna nella sua autodeterminazione ad uscire dalla violenza. La serata sarà guidata dall'avvocato Ilaria Sala, Presidente e volontaria dell'Associazione...


... che si occupa direttamente della parte legale di supporto; ci saranno inoltre alcune volontarie dedicate all'ascolto. La loro testimonianza diretta consentirà di cogliere che cosa avviene nello sportello; non mancherà un momento di interazione con il pubblico per comprendere quale è la reale conoscenza del fenomeno.

Durante l'intera giornata del 25 novembre, inoltre, un'installazione di scarpe rosse, presso l'ingresso della biblioteca, rappresenterà una donna assente: la traccia di una violenza subita.
Il giorno 29 novembre, al teatro Erios, "Che storia ti... Fo", per la regia di Renato Iannì. La violenza di genere è uno dei numerosi temi dei testi portati in scena dal laboratorio teatrale "Scenaperta" di cui Iannì è ideatore oltre che direttore e che l'Amministrazione di Vigliano Biellese sostiene attivamente. Dario Fo e Franca Rame, moglie e amante, spalla e ispiratrice sono gli autori dei testi di straordinaria attualità.

'Sotto un impianto fintamente goliardico - sono parole di Dario Fo, che ricordano quegli anni - le denunce fioccavano dure contro la guerra, il lavoro nero, lo sfruttamento, la corruzione. Si scherzava sulla storia del passato, così come la raccontavano i libri di testo e ci si ritrovava dritti nel presente.'
Gli autori ci parlano anche di donne e di violenza: una violenza che, come sappiamo, ha segnato profondamente la vita personale, oltre che artistica, di Franca Rame. La messa in scena si divide in due parti: “La storia secondo Dario Fo”, che parte dalla creazione e arriva a un’Italia in cui tutto va a… canzoni; “Storie di coppia”, in cui la vita viene sezionata e osservata dagli opposti versanti, maschile e femminile. Ne scaturisce uno spettacolo divertente e liberatorio, nel suo percorso tra storia e controstoria, tra intelligenza e stupidità, i due ingredienti del nostro quotidiano. Perché, come dice Dario Fo, 'Chi sta in scena può fare ridere, piangere, commuovere. Può far pensare. Armi terribili, potenti, eversive'".

In concomitanza con gli eventi dedicati al contrasto alla violenza di genere, l'Amministrazione ha ritenuto di rendere visibili, tramite un banner sul sito del Comune, i numeri e i riferimenti dello sportello antiviolenza, quale azione divulgativa dell'operato meritorio dell'Associazione Non Sei Sola.


Scarica Locandina 25 novembre A3  icona documento pdf






W3C