Alla scuola di Amosso si entra e si esce in sicurezza
Divieto di accesso ai veicoli e segnalatori lampeggianti
L’anno scolastico a Vigliano Biellese si apre con grandi novità sul fronte “sicurezza”. Presso la scuola primaria di Amosso, è in funzione da oggi una nuova modalità per tutelare gli alunni all’entrata e all’uscita della scuola. In luogo della chiusura quotidiana delle sbarre che delimitavano la zona franca, è stata istituita una zona a traffico limitato, con divieto di accesso negli orari di entrata/uscita (8,05-8,30 e 16,05-16,30) e con l’installazione - in corrispondenza delle barriere in ferro esistenti - di una apposita segnaletica verticale integrata da lampeggianti a luce led alimentati a pannello solare.

“L’obiettivo di garantire la sicurezza degli allievi è raggiunto – spiega l’Assessore all’Istruzione Simona Gallo – evitando l’apertura e chiusura delle transenne,


operazione per la quale era necessario disporre giornalmente del supporto di volontari, sempre più difficili da reclutare malgrado i numerosi appelli in tal senso. La cartellonistica esistente sarà sostituita a breve; in ogni caso l’informativa ha raggiunto tutti gli allievi e genitori tramite la diffusione di un apposito volantino a scuola, mentre la Dirigenza scolastica era già stata informata al riguardo nelle scorse settimane.”

“Siamo intervenuti ad Amosso – precisa il Sindaco, Cristina Vazzoler - con una soluzione progettuale che affronta in modo razionale il problema della sicurezza dei bambini, ma risolve nel contempo le numerose criticità di un servizio precedentemente basato sulla disponibilità personale dei volontari. In molti casi infatti la loro assenza, dovuta alle più svariate e comprensibili ragioni, comportava un’affannosa ricerca di sostituti, non sempre reperibili. D’altra parte i volontari, che ringrazio per il servizio svolto in questi anni, erano spesso genitori o nonni, a loro volta impegnati nei medesimi orari nell’accudimento dei figli o nipoti: questo spiega in parte la difficoltà nel trovare persone disponibili. La sicurezza va invece garantita quotidianamente, evitando che un servizio di così grande rilevanza sia gestito esclusivamente grazie al volontariato. L’intervento è in linea con il percorso in sicurezza già realizzato a San Quirico nello scorso anno scolastico.”






W3C