Partita da via Milano la sostituzione dei punti luce sul territorio
Sono iniziati dal confine con Biella, sulla via Milano, i lavori di manutenzione e riqualificazione dell'illuminazione pubblica, che prevedono la sostituzione di gran parte dei punti luce, circa 1.460, la messa a norma degli impianti e la telegestione.
L'obiettivo è quello di una infrastruttura efficiente, votata al risparmio energetico e alla modernizzazione dei vecchi impianti che presentano carenze tecniche e strutturali.


L’amministrazione comunale ha assegnato tramite bando di gara a procedura aperta l’appalto di finanza di progetto per il servizio di gestione, esercizio e manutenzione dell’illuminazione pubblica alla società Sauber Srl.
Attraverso il servizio si procederà alla ottimizzazione della manutenzione ordinaria e straordinaria, alla messa a norma dell’impianto, al recupero dell’efficienza, all’incremento del risparmio energetico e alle attività di controllo, gestione e coordinamento. La manutenzione e il sistema di controllo a distanza saranno garantiti per vent’anni, periodo di durata della convenzione.

Gli interventi radicali riguarderanno oltre il 90% degli impianti cittadini, tenuto conto che nell'ultimo triennio una parte degli impianti di illuminazione è già stato oggetto di intervento.
L’intervento riduce sia l’inquinamento luminoso, grazie ai corpi illuminanti dimmerabili, sia le emissioni di CO2 ed evita le accensioni diurne per l’individuazione dei guasti, il cui riscontro avverrà in tempo reale con il sistema di telecontrollo. Proprio grazie al sistema di localizzazione immediata gli interventi potranno essere tempestivi.

Le prime zone del territorio interessate saranno, oltre alla via Milano, l’area del Villaggio Trossi, corso Avilianum, Via Libertà, Via Q. Sella, Via Roggia, Vicolo Avandino, Via Magliazzza, Via Garibaldi, Via Detomati, Via Ravizzone, Viale Alpini d’Italia, Via Monte Grappa, Via San Michele, Vicolo Grossere, Via Felice Trossi, Via per Chiavazza, Via Costa, Via Augusto Avogadro, Via Valmosino, Via Moriane.







W3C