Il progetto adottato dal Consiglio comunale dei ragazzi per il 2019
Diciassette giovanissimi, dodici meno giovani e due piccole mascotte: sono i "GVPA"
Un sabato pomeriggio per pulire Vigliano, con merenda finale
L'appuntamento era presso la biblioteca civica, per pulire insieme Vigliano, e alle 15.00 dello scorso sabato 31 maggio hanno risposto diciassette ragazzi intraprendenti, dodici genitori volontari e due mascotte, sotto i sei anni. Recuperando pettorine e cappellini di Legambiente rimasti dal kit di "puliamo il mondo" cui il Comune ogni anno aderisce, il gruppo, armato di entusiasmo e voglia di dare il proprio contributo per un paese più pulito, ha individuato l'area in cui operare e si è immediatamente dato da fare. Nel giro di un'ora, suddivisi in vari sottogruppi, guidati dai genitori, i ragazzi hanno ripulito le aiuole intorno alla biblioteca, viale della Rimembranza,


Piazza Martiri Partigiani e un ampio tratto di Corso Avilianum. 50 lattine e un ampio numero di residui di sacchetti di merendine e simili sono stati il "bottino" più consistente. Impressionante, poi, il numero dei mozziconi di sigarette che i ragazzi hanno rinvenuto e rimosso proprio in corrispondenza dei luoghi in cui gli adulti si soffermano in attesa dell'uscita da scuola dei più piccoli. "E pensare - hanno commentato - che ogni mozzicone impiega anni a decomporsi e, insieme alla plastica, se abbandonato nell'ambiente, costituisce un danno non solo immediato al decoro pubblico, ma che si ripercuote nel tempo". A seguire, una merenda "sana" ha rifocillato i "GVPA", giovani volontari pulizia ambiente, dopo il lavoro intenso sotto il sole cocente.
L'iniziativa - adottata dal Consiglio comunale dei Ragazzi come progetto dell'anno - proseguirà, perché il loro scopo è quello di garantirne la continuità e di agire sul senso di colpa di tutti coloro che hanno così poco rispetto dell'ambiente e della cosa pubblica. Perché pulire è un'ottima cosa, ma certamente occorrerebbe non sporcare in modo così vergognoso le strade, le aiuole e gli spazi pubblici.






W3C