Rotonda di via Comotto. Vazzoler: “Ritardi? Non troppi e, comunque, ampiamente giustificati”
Gli aggiornamenti sui lavori. Definita la viabilità, presto le asfaltature, ed una nuova fioriera
Proseguono i lavori alla rotatoria fra via Milano e via Florindo Comotto. Definito l’anello stradale, così come le intersezioni; già pavimentato lo spartitraffico, impostata l’isola centrale, che conterrà un arredo verde di impatto: una particolare fioriera, in grado di conferire all’incrocio un carattere particolare e certamente più gradevole.
“Non appena possibile, finito il periodo del gelo – spiega il Sindaco, Cristina Vazzoler – e con la riapertura degli impianti di produzione dei bitumi, si procederà con le asfaltature. Rispetto alle tempistiche previste, sono ben consapevole che vi sia un modesto scostamento e, d’altra parte, io per prima avrei desiderato poter inaugurare l’opera per lo scorso Natale.
Il prolungamento di tempi è sostanzialmente causato da tre fattori distinti. Il primo: le avverse condizioni meteorologiche, che fra fine ottobre e novembre


si sono protratte per più di due settimane, imponendo una brusca fermata all’intervento. Il secondo, di tipo tecnico, causato dalle imprecise comunicazioni fornite dai gestori delle sottoutenze: la posizione delle tubazioni sotterranee ha rappresentato infatti una grande criticità. Sono stati infatti rilevati diversi cavidotti non segnalati, proprio nei pressi dei punti in cui il progetto prevedeva i pali dell’illuminazione. Il tutto ha comportato un rallentamento delle fasi operative di esecuzione, onde scongiurare qualunque danno alle condotte e quindi alle utenze dei cittadini.
Infine, la via Milano non è mai stata chiusa al traffico, per espressa volontà di questa Amministrazione, per salvaguardare la fluidità della circolazione in un’arteria così nodale per il traffico biellese ed evitare il ricorso a percorsi alternativi, con disagi su tutto il territorio. Imporre tuttavia all’appaltatore tale condizione ha determinato la necessità di salvaguardare in modo ancor più imperativo i lavoratori del cantiere, mettendo in atto tutte le misure adeguate e rinunciando, in taluni casi, alla velocità a favore della sicurezza.
La rotonda – conclude il Sindaco - si sta avviando alla fase finale: siamo certi che, oltre a moderare e snellire il traffico, rappresenterà anche un elemento di piacevole impatto estetico nel nostro paesaggio urbano.”






W3C